Ente di Formazione Accreditato

MODELLO 231

[et_pb_section bb_built=”1″ admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid”]

 

  RESPONSABILITÀ IMPRESA E MODELLO 231

Il D.Lgs. 231/01 ha previsto l´applicazione della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (società, associazioni, etc.) per reati commessi nell´interesse dell´ente da dirigenti, dipendenti e tutti coloro che operano in nome e per conto di esso. Tale responsabilità si aggiunge a quella delle persone fisiche che hanno commesso materialmente il reato e comporta pesanti sanzioni pecuniarie (da 25000 euro a 1,5 milioni di euro) e la possibile sospensione o interdizione nell’esercizio dell´impresa.

Il D.Lgs. 231/01, attualmente, disciplina la responsabilità delle imprese per gli illeciti amministrativi dipendenti dai seguenti reati:

  • Rapporti con la pubblica amministrazione.
  • Informatici
  • Societari
  • Terrorismo e di eversione dell’ordine democratico.
  • Personalità individuale.
  • Abusi di mercato.
  • Omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime commesse con violazione di norme infortunistiche e sull’igiene e salute sul lavoro (art. 25 D.Lgs. n. 81/08).
  • Criminalità organizzata trasnazionale, ricettazione, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita.
  • Abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sul e nel suolo (art. 192 comma 4 del D.Lgs. 152/06).
  • Rapporti tra privati.
  • Autoriciclaggio (art. 3 Legge 15/12/2014 n. 186).

 

L’art. 6 del D.Lgs. 231/01 prevede il beneficio dell’“esimente” per le imprese che adottano in maniera effettiva ed efficace un Modello Organizzativo di gestione e controllo.

Il servizio

Il nostro supporto per la creazione di un “Modello Organizzativo” conforme ai requisiti del D.Lgs. 231/01, si sviluppa secondo le seguenti modalità:

  • Analisi dei rischi aziendali, volta ad individuare i possibili reati aziendali rispetto a quelli individuati dal decreto 231.
  • Implementazione del “Modello Organizzativo di Gestione e Controllo”, comprensivo di:
    • Parte Generale e Parte Speciale.
    • Codice Etico.
    • Procedure e Modulistica.
    • Regolamento disciplinare e sanzionatorio.
    • Regolamento di funzionamento e attuazione dell’Organismo di Vigilanza.
  • Attività formativa/informativa rivolta alle funzioni aziendali relativa ai concetti generali della norma di riferimento ed alle modalità di utilizzo ed applicazione del Modello Organizzativo.

Organismo di Vigilanza (OdV)

Nostro personale altamente qualificato, con specifiche competenze in materia di Salute, Sicurezza e Ambiente, è a disposizione per far parte di “Organismi di Vigilanza”.

Per maggiori dettagli e/o per esigenze specifiche non esitate a contattarci.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]